Galaxy Book S: il nuovo laptop Samsung che “parla” con il Note

Finalmente si ritorna a parlare di laptop e, nel suo ultimo Unpacked, Samsung ha presentato il suo Galaxy Note 10 e Note 10+, mostrando però, a sorpresa, anche il suo nuovo pc: il Galaxy Book S.

In un mercato dove si fa a gara a chi porta il computer più leggero, più compatto e più esteticamente gradevole, ecco che Samsung entra a gamba tesa, presentando un laptop con caratteristiche del tutto innovative ed una portabilità incredibile, oltre che a moltissime componenti esclusive, come il processore.

Andiamo per gradi: il display è da 13,3 pollici, touch, con risoluzione Full HD e rapporto 16:9, mentre le dimensioni totali sono di 305,2 x 203,2 x 6,2-11,8mm, rispettivamente per larghezza, profondità e spessore. Il peso è un record per la linea 13 pollici, visto che scende sotto al chilogrammo: appena 960 grammi.

Parlando di prestazioni invece, il Galaxy Book S presenta un processore del tutto inedito, lo Snapdragon 8CX, che permette un miglioramento esagerato soprattutto in ambito consumi, rispetto a tante soluzioni AMD e Intel. La componente della CPU è da 8 core a 64 bit e la frequenza massima gira attorno ai 2,4 GHz, erogando la giusta potenza per eseguire lavori nel campo ufficio, navigazione web ed anche qualcosa che possa richiedere maggiore potenza per un tempo limitato. La RAM, LPDDR4, è di 8 GB e la potenza complessiva del system on chip è superiore ai vari processori Intel serie U, ovvero quelli a basso consumo.

A beneficiare di questa elettronica è soprattutto la batteria da 42 Wh, componentistica completamente rivitalizzata grazie all’utilizzo del SoC Qualcomm. Secondo le stime di Samsung, il laptop è in grado di raggiungere le 23 ore di utilizzo costante, mentre in stand-by dovrebbe superare agevolmente i 3 mesi di autonomia.

Le SSD installate saranno a partire da 256 GB, ma potenziabili fino a 512, allungabili fino a 1 TB con l’inserimento di una MicroSD. Altra peculiarità da “smartphone” è sicuramente la possibilità del laptop di avere un piano dati LTE per l’utilizzo di internet in mobilità.

Sui lati sono presenti due porte USB type-C ed il jack per le cuffie, inoltre non manca il sensore per le impronte digitali e un ottimo impianto audio con quattro altoparlanti realizzati in collaborazione con AKG.

Lato software, è particolarmente interessante la possibilità di fare il mirroring funzionante del Galaxy Note 10. Questa funzione, ottenuta grazie ad una partnership con Microsoft, intende stabilire un collegamento molto più diretto del laptop con lo smartphone. L’archivio del Galaxy Note sarà completamente disponibile sul pc, con l’interfaccia Android che sarà in grado di comunicare con Windows. Il proprio Note 10 potrà infatti scambiare file in maniera diretta e senza cavi, “dialogando” con il Galaxy Book S. La funzione, importante in chiave produttività, sarà disponibile esclusivamente per i possessori di Note 10.

Giungiamo alle conclusioni. Questo Galaxy Book S è il perfetto compagno per chi cerca un prodotto facile da trasportare, da utilizzare in totale mobilità e, magari, anche con una connessione dati. Lo vedo un’opzione da considerare soprattutto per chi è sempre in giro, per chi deve portare il laptop ad alcune riunioni, senza trovare compromessi, dati da un sistema operativo di un tablet, per esempio. Un notebook con queste dimensioni, con questa estetica e con questo peso è raro da trovare e, il prezzo, non lo rende nemmeno impossibile da acquistare, venendo di listino venduto a 999 $ negli Stati Uniti. Sicuramente non è da consigliare per chi cerca qualcosa di più robusto (prestazionalmente parlando) e, soprattutto, se non è interessato a consumi così poco incidenti sulla batteria. Per il resto, se accompagnato anche ad un nuovissimo Galaxy Note 10 o 10+, potrebbe rivelarsi un’accoppiata del tutto vincente e fondamentale per chi cerca elevati standard di produttività.

Commenti